L'età delle migrazioni forzate : Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953

Antonio FERRARA, Niccolò PIANCIOLA

    Research output: Scholarly Books | Reports | Literary WorksBook (Author)Research

    Abstract

    Fra la guerra di Crimea e la morte di Stalin (1853-1953) circa trenta milioni di persone in Europa furono vittime di migrazioni forzate: intere popolazioni vennero espulse, deportate e ricollocate altrove, o costrette a emigrare. Il fenomeno interessò in particolare quell'"Europa di mezzo" divisa fino alla Prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano e si concentrò soprattutto nella prima metà del Novecento, a partire dalle guerre balcaniche, raggiungendo il suo culmine per opera dei due grandi regimi totalitari sovietico e nazista. Con un amplissimo raggio d'osservazione, che va dalla Russia asiatica ai profughi istriani di casa nostra, il volume affronta per la prima volta in maniera complessiva questo drammatico fenomeno che, spesso intrecciandosi a pratiche di pulizia etnica e a episodi di sterminio, ha accompagnato la faticosa e sanguinosa riconfigurazione dell'Europa e dei suoi confini nel corso del Ventesimo secolo.
    Original languageItalian
    Place of PublicationBologna
    PublisherIl mulino
    Number of pages501
    ISBN (Print)9788815234667
    Publication statusPublished - 2012

    Cite this

    @book{71a488314fa6477781c56f4074ab0220,
    title = "L'et{\`a} delle migrazioni forzate : Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953",
    abstract = "Fra la guerra di Crimea e la morte di Stalin (1853-1953) circa trenta milioni di persone in Europa furono vittime di migrazioni forzate: intere popolazioni vennero espulse, deportate e ricollocate altrove, o costrette a emigrare. Il fenomeno interess{\`o} in particolare quell'{"}Europa di mezzo{"} divisa fino alla Prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano e si concentr{\`o} soprattutto nella prima met{\`a} del Novecento, a partire dalle guerre balcaniche, raggiungendo il suo culmine per opera dei due grandi regimi totalitari sovietico e nazista. Con un amplissimo raggio d'osservazione, che va dalla Russia asiatica ai profughi istriani di casa nostra, il volume affronta per la prima volta in maniera complessiva questo drammatico fenomeno che, spesso intrecciandosi a pratiche di pulizia etnica e a episodi di sterminio, ha accompagnato la faticosa e sanguinosa riconfigurazione dell'Europa e dei suoi confini nel corso del Ventesimo secolo.",
    author = "Antonio FERRARA and Niccol{\`o} PIANCIOLA",
    year = "2012",
    language = "Italian",
    isbn = "9788815234667",
    publisher = "Il mulino",

    }

    L'età delle migrazioni forzate : Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953. / FERRARA, Antonio; PIANCIOLA, Niccolò.

    Bologna : Il mulino, 2012. 501 p.

    Research output: Scholarly Books | Reports | Literary WorksBook (Author)Research

    TY - BOOK

    T1 - L'età delle migrazioni forzate : Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953

    AU - FERRARA, Antonio

    AU - PIANCIOLA, Niccolò

    PY - 2012

    Y1 - 2012

    N2 - Fra la guerra di Crimea e la morte di Stalin (1853-1953) circa trenta milioni di persone in Europa furono vittime di migrazioni forzate: intere popolazioni vennero espulse, deportate e ricollocate altrove, o costrette a emigrare. Il fenomeno interessò in particolare quell'"Europa di mezzo" divisa fino alla Prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano e si concentrò soprattutto nella prima metà del Novecento, a partire dalle guerre balcaniche, raggiungendo il suo culmine per opera dei due grandi regimi totalitari sovietico e nazista. Con un amplissimo raggio d'osservazione, che va dalla Russia asiatica ai profughi istriani di casa nostra, il volume affronta per la prima volta in maniera complessiva questo drammatico fenomeno che, spesso intrecciandosi a pratiche di pulizia etnica e a episodi di sterminio, ha accompagnato la faticosa e sanguinosa riconfigurazione dell'Europa e dei suoi confini nel corso del Ventesimo secolo.

    AB - Fra la guerra di Crimea e la morte di Stalin (1853-1953) circa trenta milioni di persone in Europa furono vittime di migrazioni forzate: intere popolazioni vennero espulse, deportate e ricollocate altrove, o costrette a emigrare. Il fenomeno interessò in particolare quell'"Europa di mezzo" divisa fino alla Prima guerra mondiale fra gli imperi zarista, tedesco, asburgico e ottomano e si concentrò soprattutto nella prima metà del Novecento, a partire dalle guerre balcaniche, raggiungendo il suo culmine per opera dei due grandi regimi totalitari sovietico e nazista. Con un amplissimo raggio d'osservazione, che va dalla Russia asiatica ai profughi istriani di casa nostra, il volume affronta per la prima volta in maniera complessiva questo drammatico fenomeno che, spesso intrecciandosi a pratiche di pulizia etnica e a episodi di sterminio, ha accompagnato la faticosa e sanguinosa riconfigurazione dell'Europa e dei suoi confini nel corso del Ventesimo secolo.

    UR - http://commons.ln.edu.hk/sw_master/3171

    M3 - Book (Author)

    SN - 9788815234667

    BT - L'età delle migrazioni forzate : Esodi e deportazioni in Europa 1853-1953

    PB - Il mulino

    CY - Bologna

    ER -